cerca

Strane incongruenze

7 Agosto 2013 alle 17:00

In questi giorni, si ode ripetere, ad ogni sospirar di vento, che una sentenza pubblica resa “in nome del popolo italiano” dovrebbe essere relegata a fatto privato e individuale, come se, sia l’errore giudiziario che i soggetti coinvolti, la Magistratura alla quale è affidato l’onere di somministrare la giustizia e il cittadino verso il quale ricade la decisione, non implicassero un’inevitabile e automatico riverbero coincidente con un delicato e imprescindibile interesse pubblico e quei diritti universalmente riconosciuti. È desolante dover ricordare agli stessi che per mesi e mesi, in tante occasioni, hanno sempre asserito che ogni qual volta un fatto fosse riferibile a Berlusconi, privato o meno che fosse, era moralmente giusto e politicamente doveroso, non solo commentarlo, e comunque a prescindere, ritenerlo come un rilevante fatto dalle inevitabili “conseguenze politiche”. Insomma, per una parte, pare emerga ancora una volta, una strana discrasia nelle valutazioni dei fatti e nei giudizi a prescindere dal merito o dalla forma. Quando conviene è politica, in altre, magari una sentenza emessa da pubblici dipendenti, un mero fatto privato. Non vorrei che le famose “lenzuolate” liberiste di bersaniana memoria non avessero come appendice evolutiva una “privatizzazione” della giustizia.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi