cerca

Ecco la Cavaliera. In alto i calici

6 Agosto 2013 alle 19:00

L'Italia si trova in una situazione anomala: dopo i risultati delle elezioni che ha visto perdere il vincitore e vincere lo sconfitto "numerico dello zero virgola"; dove l'antipolitica ha portato in parlamento i sudditi di un comico ("ciao, mi chiamo... e vorrei occuparmi di..."); dove un ex comunista ha dovuto salvare l'Italia e richiamare "interisti e milanisti" a formare una squadra per arrivare almeno ai quarti della Europe League; dove si condanna per evasione fiscale il maggior contribuente dell'erario; dove ex libertini si ergono a moralisti sentendosi antropologicamente superiori e alla sera leggono Kant e hanno dimenticato D'Annunzio che... "nessuno mi conosce per quel che sono, tutti credono che il mio libertinaggio mi sminuisca, mentre esso mi serve ad avere ancora più sete della mia arte". Ebbene, forse è per questa situazione anomala che il direttore Ferrara fa il tifo per Marina Berlusconi (la Cav.), accantonando per il momento l'idea "degli amici non servili" che al teatro Capranica chiesero al Cav. democrazia invece di autocrazia all'interno del Pdl.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi