cerca

Gli Americani e noi

31 Luglio 2013 alle 20:00

La stampa ci informa che gli USA hanno avuto ,nel secondo trimestre 2013, una crescita del Pil di 1,7 per cento anziché di 1,5 per cento, come avevano previsto. Si direbbe che tutto il mondo è paese, nel senso che anche gli Americani, come noi, sbagliano le previsioni .Con una piccola differenza, però: noi sbagliamo le previsioni sempre per eccesso, cioè, detto in altri termini, per eccesso di ottimismo , mentre gli Americani, come in questo caso, per difetto, cioè per eccesso di realismo. Questa è una differenza non da poco, in quanto traduce una diversità culturale che è alla base di molti nostri guai.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi