cerca

L’uomo oltre il concilio?

26 Luglio 2013 alle 14:00

Leggere di Bergoglio come l’uomo oltre il concilio Vat. II mi lascia perplesso. I primi atti, i modi e lo stesso appellarsi in primo luogo come Vescovo di Roma mi sembra che non siano un superamento del Vaticano II. Appare piuttosto dentro una delle interpretazioni dello stesso concilio, osteggiata dai due precedenti Papi. La teologia della liberazione che ha attraversato e attraversa il sud America ha in questo Papa più di un’eco. C’è però un dato molto personale. Quando GPII o Benedetto XVI parlavano, parlavano anche a “me”, in particolare Benedetto. Quando Bergoglio parla è come se parlasse ad altri, non anche “me”. Forse perché viene dalla fine del mondo, forse perché non lo capisco, ma la sensazione è questa.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi