cerca

Gardini, Di Pietro e la carcerazione preventiva (del suicidio)

22 Luglio 2013 alle 17:00

Incredibile Di Pietro. Il suo racconto sul rimorso legato al mancato arresto di Gardini ed al suo suicidio, a suo parere conseguente, dovrebbe essere preso dai nostri legislatori come esempio paradigmatico di cosa si dovrebbe evitare con una riforma della magistratura. Oggi abbiamo infatti definitivamente compreso, in prima pagina sul Corriere della Sera, che la carcerazione preventiva non è regolata dalla legge, bensì dalle promesse e dalle relazioni più o meno amichevoli dei magistrati inquirenti.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi