cerca

Senza titolo

11 Luglio 2013 alle 15:30

Mi piace la parola disorientamento scritta da Langone. E’ come essere naviganti che assistono all’eclissi della stella polare. Penso che il cuore del discorso di Bergoglio a Lampedusa sia un piccolo passo tratto da Genesi: “Caino dov’è tuo fratello?”. L’umanità intera è antropologicamente e Biblicamente figlia di Caino. Bergoglio riferendo questa espressione Biblica a noi italiani ed europei e non a tutti, migranti compresi, fa una scelta precisa. E’ una scelta antropologica che annichilisce qualunque altra differenza religiosa o culturale. Una connotazione teologico-morale viene riferita ad uno stato anche economico. Una piccola digressione. Devo tantissimo a sua Santità Benedetto XVI che ha corretto alcuni errori che commettevo. Dio ci ha mandato un gigante che è stato osteggiato da tutti, all’interno della chiesa, come all’esterno. Lo abbiamo rifiutato e penso che uno dei motivi del suo abbandono sia proprio l’aver compreso il fallimento della sua meravigliosa opera, come qualcuno ha ipotizzato. Bergoglio, anch’esso strumento di Dio, apre un'altra porta all’islamizzazione progressiva dell’Italia e dell’Europa con la forza del suo essere la massima autorità della chiesa. Atto incomprensibile e, rabbia a parte, ha senso solo se ha un significato profetico. A ben vedere la colpa, terribile, degli italiani e degli europei è aver rifiutato la vita, in tante forme e modi, che un elenco risulterebbe noiosissimo. Allora forse la Sua pedagogia sarà quella di rieducarci ad essere cristiani non più da una posizione di agio mono cultuale, ma attraverso il contatto fisico con una religione avversa e dura nei confronti dell’altro, così come accade ai fratelli dimenticati dell’Africa e Medio Oriente. E’ tempo per gli innamorati del Papa Emerito di imitare la sua scelta. Ritirarsi in buon ordine, aumentare la preghiera cercando di mantenere viva la speranza.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi