cerca

Nel campo del lavoro irrompe la Consulta

4 Luglio 2013 alle 10:00

Bene, bene: la Cassazione è partita in discesa a ruota libera da lustri, ma, ultimamente, avevo avuto l'impressione che anche la Consulta cominciasse a dare qualche segnale preoccupante: ho evitato di memorizzarlo, anzi l'ho nascosto nella profondità più oscura del pozzo della mia memoria, perché, nello sfascio della Giustizia, era per me l'ultimo valido punto di riferimento. Ed eccoci ad una svolta decisiva! Ho appena appreso dal Corriere online, come da titolo, che “La Consulta dà torto alla Fiat: «Illegittima l'esclusione delle sigle non firmatarie» - La Corte Costituzionale su ricorso della Fiom ha dichiarato l'illegittimità dell'art. 19 dello Statuto dei Lavoratori”. Bene, bene: dei primi cinque commenti non ho capito se il primo sia a favore, ma l'ultimo sì, però gli altri 3... contro-chiaro. Almeno in materia di lavoro si torna all'andazzo degli ultimi decenni del secolo scorso e del 1° di questo? Non bastano i sindacati, la magistratura ordinaria e l'asfissiante ragnatela di una burocrazia mostruosa? Le sigle devono essere tre (e sono già troppe!) e il loro scopo non dev'essere criticare e proclamare scioperi devastanti! Ma avanzare oneste proposte nell'interesse generale.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi