cerca

Una Boldrini in Vaticano?

2 Luglio 2013 alle 15:45

Il Papa va a Lampedusa a pregare con i rifugiati. E' una decisione pastorale di grande importanza, ma di natura più politica che spirituale, perché Boldrini l'ha preceduto e tutti gli illuminati progressisti sono pronti a osannarlo. Ha detto che il cristiano deve andare contro corrente, ma questa del pauperismo è la corrente di questo mondo, così francescano e spartachista allo stesso tempo. Tra la tiara, la sedia gestatoria e l'abbraccio alle folle non c'è nessuna differenza, solo un mutamento e adeguamento allo spirito del mondo. La preghiera ha una forza per sé che prescinde dalle assemblee oceaniche, nei romitori, nella clausura sale l'incenso della preghiera che si spande su tutta la Chiesa, ignoti ai media ma ben familiari a Dio. I media sporcano tutto quello che toccano, perché sono divenuti il campo di esistenza del mondo, che solletica anche patriarchi e tutti gli acclamanti in cotta e stola, forse per deviare l'attenzione dei media su quello che essi stessi hanno svelato delle trame in Vaticano. Intanto come un nume tutelare veglia Benedetto XVI, che si è sepolto nel ritiro della preghiera e da quel romitorio "soffre,combatte e prega" per i peccati della sua chiesa, per salvarla, come aveva annunciato, non solo dalla seduzione delle ricchezze (Ior) ma dal peccato, che come di tutte le altre scandalose rivelazione è origine prossima e remota.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi