cerca

Spending review

2 Luglio 2013 alle 20:45

La società che amministravo in quegli anni, intendendo chiudere un conto corrente bancario, trasferì fondi da quello a un altro Istituto, per circa 400 milioni di lire. Lo fece con un bonifico, scontando alcuni giorni per l'accreditamento, la valuta, insomma quelle cose lì: ma vuoi mettere la comodità? Che ti fece Amato? Impose un "contributo" di pochi "permille". Per motivi che ancora mi divertono nelle sere piovose d'inverno, il "contributo" venne prelevato su entrambi i conti. Fu lì che compresi il senso della spending review: viene applicato sui tuoi conti (correnti) non su quelli (di spesa) dello stato.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi