cerca

Oggi froci

27 Giugno 2013 alle 13:30

Trovo che le persone di destra ignorino costantemente la differenza, che a me appare evidente, tra obbligo e liceità. La legge non deve certo imporci l'uguaglianza. Ma nemmeno può vietarcela. Se anche una sola coppia di omosessuali vuole accedere al matrimonio, il problema diventa: perchè no? Abbiamo una ragione? Magari perchè è un affronto alla realtà? Motivazione scivolosa: deboluccia quella realtà che ha bisogno della legge per stare in piedi. La tutela dell'alterità? Ma l'alterità individuale va benissimo. E' quella collettiva che crea problemi. Perchè spesso la "dimensione irriducibile alla propria" induce qualcosa di molto peggio della "curiosità". Inutile diffondersi in esempi, giusto? La realtà, quella che non ha bisogno di leggi a supporto, è che intorno alle domande importanti noi non ci dividiamo in etero contro froci, ci dividiamo in etero e froci di destra (gelosi della propria identità di gruppo) contro etero e froci di sisnistra (gelosi della propria identità di persona). Se invece ha ragione il Direttore, se quella che si sta affermando è la dittatura dell'identità universale, la cosa avrà conferma qualcuno approverà l'obbligo di matrimonio per etero e froci (e per inciso, alcune proposte sulle unioni di fatto ci si avvicinano). Ma non è quello che è successo ieri.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi