cerca

La diversità turca

17 Giugno 2013 alle 19:26

Il nostro ministro degli esteri e i soliti professorini ha subito parlato di diversità turca rispetto agli altri paesi dove la primavera araba si è presto trasformata, come invero facilmente prevedibile a tutti con un minimo di buon senso, in un cupo inverno integralista, ha ragione, nel senso, che qui gli intergralisti sono già al potere e voglio solo dare la spallata finale a ciò che residua della Turchia laica kemalista, non è un caso che traghetti carichi di attivisti integralisti stiano atraversando il Bosforo dalla sponda asiatica a quella europea, Costantinopoli va assediata e presa. Oggi come allora, l'Europa tace presa dai suoi affari. Chissà cosa ne pensano i generali( se ce ne sono) della Nato di questa deriva turca, i Polacchi non sono più quelli di una volta.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi