cerca

Il "caso" della Procura di Palermo

13 Giugno 2013 alle 13:00

Nel suo libro Il Principe, il Machiavelli fornisce al suo lettore diverse "dritte" per governare e, soprattutto, per mantenere il potere. Una di queste consiglia di far uso di personaggi con pochi scrupoli che, inviati nei posti giusti, eliminino, meglio se in modo platealmente scorretto, i nemici. Terminata la pulizia il Principe si presenta davanti al suo popolo e manda al patibolo detti personaggi. Il successo è totale: nemici sbaragliati, rafforzamento, presso il popolo, dell'immagine di essere un Principe "giusto" e ... "compari scomodi" eliminati. Sicuramente tutto questo non c'entra niente con il "caso" della Procura di Palermo, ma, chissà perché, ho l'impressione che la cosa sia seguita con molta attenzione anche dalla Procura di Milano.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi