cerca

Progressisti! Ma dove?

3 Giugno 2013 alle 14:15

Approfittando dell'uscita sul presidenzialismo del Presidente Letta, ieri Alfano ha preso la palla al balzo e si è dichiarato pronto ad introdurlo nel sistema politico italiano. Immediate e miste le reazioni da quelle positive del Pdl e buona parte del Pd, contrari l'ala sinistra di Fassina, la Bindi e i giovani (sic) turchi. Poi i no secchi di Sel, Rodotà, la sinistra antagonista, tutti progressisti a parole ma al momento di cambiare qualcosa si rifugiano dietro la costituzione e non cambiano mai nulla. La morale della storia è che coloro che si dichiarano progressisti sono i più stenui difensori dello "status quo".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi