cerca

Se la dotoressa Boccassini adorasse Berlusconi? In segreto, naturalmente

15 Maggio 2013 alle 15:45

Ripensando alla requisitoria della Boccassini contro Berlusconi emerge un qualcosa di strano. Toni, parole, discredito, accenni di conturbante sessualità, uso di denaro per corrompere e far tacere i testimoni tutti, insomma, in mancanza della PROVA, ecco l'uso, molto femminile, di veemente accusa verso il "traditore". Traditore di un rapporto magari metafisico. Ma traditore. Inoltre quello scagliarsi con violenza contro le frequentazioni private del reprobo non porterà altro che vantaggi elettorali a quest'ultimo. Come sempre è accaduto. Troppo cuore e poca ragione nell'accusa del famoso pubblico ministero di Milano. Secondo me vota il Pdl.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi