cerca

Gianluca's version

10 Maggio 2013 alle 16:00

Da piccolo mi piacevano i film pseudo mitologici ("peplum" si dice oggi) con palestrati difensori dei deboli e degli oppressi. Il mio preferito era "Ercole, Sansone, Maciste e Ursus: gli invincibili". Una vera schifezza, ammetto con gli occhi di oggi; ma per me, bambino, vedre collaborare per il trionfo del bene personaggi così diversi era davvero esaltante.Idem come sopra per "Gli eredi di King Kong" dove un gruppo di Giapponesi protagonisti di film diversi(tra cui Godzilla) si radunava per sconfiggere un mostro più grande e cattivo; o per "I magnifici sette", gli "X-Men" e via dicendo. Sono tutte vicende con la stessa struttura: per sconfiggere un male più grande ci si allea anche con chi normalmente ci si guarderebbe bene dall'affrontare. Addirittura il lieto fine comportava che spesso si apprezzava chi prima si disprezzava. Ma i nostri politici non vanno al cinema? Leggano almeno i fumetti! Sono 50 anni che l'Uomo Ragno si ripete che da grandi poteri derivano grandi responsabilità!

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi