cerca

Andreotti

7 Maggio 2013 alle 21:15

Si è scritto tanto e tanto se ne scriverà politicamente e storicamente che basta una sola notazione. La domanda ricorrente che ci si sente porre (semplificando) è: “Tu che ne pensi?”, “ti piaceva?”. A di là di meriti e demeriti, a me personalmente non piaceva, semplicemente perché non “mi faceva sangue”. Un algido amministratore di condominio, abile competente, ma esterno, al di fuori e superiore a moti, affetti e passioni degli abitanti reali del paese. Non si è mai schierato con vera partecipazione d’animo. Neanche contro la mafia.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi