cerca

Promesse elettorali e rischi per il governo Letta

2 Maggio 2013 alle 14:30

Ho l’impressione che l’ennesimo miracolo fatto dall’Amor nostro, riuscendo ad avere risultati elettorali molto superiori a quelli previsti da ogni pronostico e a mantenere un ruolo decisivo nei recenti sviluppi politici, rischi di fare sottovalutare alla destra un punto: il PDL non ha vinto le elezioni. Non vorrei che l’intransigenza con cui il PDL sembra al momento voler richiedere abolizione e anche restituzione dell’IMU, in nome del rispetto della premessa fatta agli elettori, fosse anche il riflesso di questa “dimenticanza”. Secondo me un elettore pensante si aspetta la piena attuazione delle promesse elettorali del suo partito se quel partito vince le elezioni. Ma il PDL si trova invece a far parte in una coalizione che è il frutto di un difficilissimo equilibrio tra schieramenti che non hanno raggiunto singolarmente la forza di governare. In questo quadro direi che un compromesso sugli obiettivi di ogni forza politica sia semplicemente l’unica strada ragionevole e possibile. Insomma se l’IMU verrà abolita e restituita ne sarò ovviamente felice, e a braccio direi lo saranno anche gli elettori di sinistra che odiano Berlusconi. Spero però fortemente che non si faccia di questo obiettivo una possibile causa di crisi di un governo che non ha ancora iniziato a governare; a mio modesto parere sarebbe un grave errore.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi