cerca

Salvate il soldato PD

26 Aprile 2013 alle 15:30

Gli avversari non si scelgono, si subiscono. Tuttavia in alcuni momenti come questo si può agire in modo costruttivo. Il PDL aiuti il PD che brucia. Accantoni e zittisca i falchi e falchetti che vedono solo mini vittorie e conti da regolare, non accorgendosi che senza un PD forte e coeso, avranno avversari peggiori e senza scrupoli oltre che insipienti. I destini del PDL dipendono anche dagli avversari che avrà, oltre alle molte cose che deve fare autonomamente. In fondo ciò che accade oggi al PD sarà molto simile a quello che accadrà al PDL senza Berlusconi. Ma questo è un altro discorso. Un governo di larghe intese non si fa senza accantonare i temi della campagna elettorale. Saranno le azioni incisive o meno del futuro governo Letta a decidere il destino dei due partiti. E’ già andata molto bene non avere Rodotà al Quirinale e che i grillini sono una forza inutile. Ora salvi il soldato PD agendo con molto criterio. Infine non posso non riflettere sui leader della sinistra e mi domando se al posto di Bersani ci fosse stato D’Alema. Avremmo avuto l'implosione del PD? Dubito.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi