cerca

Sogno

16 Aprile 2013 alle 16:30

Ho sognato che, al risveglio, mi ritrovavo nella seguente Italia. Capo dello Stato, una donna. Altre cariche istituzionali: al Senato, un papà. Alla Camera, un rappresentante del mondo del lavoro. Nessuno di parte. Solo la metafora che in cima ci stesse ciò che rappresenta la base della nazione, la famiglia. Io uno dei tanti figli, visto che questa Italia sognata, in fondo, è proprio una famiglia. Il metodo di governo poi: la famiglia stessa. Tutti uguali nella propria dignità, sebbene tutti diversi. Tutti accettati per quello che sono e per ciò che ciascuno può donare al resto dei propri familiari, con amore. E nessuno che crede che il proprio posto sia insostituibile. Mi sveglio, di soprassalto. Accendo la tv, sento le notizie. Mi accorgo che il mio non era un sogno ma un'utopia.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi