cerca

Ma a chi serve avere un governo?

12 Aprile 2013 alle 16:00

Per chi non lo sapesse, è passato circa un mese e mezzo da quando abbiamo "votato per cambiare il mondo" e, per di più, finalmente stiamo per conoscere le sconvolgenti (?) soluzioni che i "saggi" hanno elaborato per illuminare la via ai nostri politici. Quello che mi pare evidente è che in effetti ... non è successo (né sta succedendo) niente di nuovo. Lo spread continua a seguire le sue leggi di variazione (indipendenti dai nostri politici), i nostri politici (tutti, "niuno" escluso) continuano a dire le stesse cose che dicevano prima delle elezioni, i giornalisti (e le radio/televisioni) che sono "politicamente impegnati" continuano a dire le stesse cose che dicevano prima delle elezioni, perfino le notizie sulle "stragi di ragazze minorenni" fatte da Berlusconi si ripetono con continuità. Tutti ci dicono che "occorre far presto", che "dobbiamo avere un governo" ("forte" o "debole" a seconda dei partiti), che "dobbiamo fare qualche cosa". Intanto continuo a ricevere puntualmente le bollette della luce, del gas e dell'acqua, oltre ai bollettini relativi alle varie tasse/gabelle di sempre, per non parlare dell'affitto. Ho un dubbio: avere un governo ("forte" o "debole", ... fate voi) ha una qualche utilità per me (miserrimo "cittadino comune") o serve solo perché "loro" possano esistere e possano continuare a gozzovigliare con le tasse che mi fanno pagare?

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi