cerca

La casa brucia, fate presto

2 Aprile 2013 alle 12:45

Il paese è sull'orlo della rovina, ci vuole responsabilità, al lupo, al lupo, tutti senza distinzione ecc.ecc. Ecco questo è tutto quello che i nostri politici riescono a dire...e che dicono da più di un anno, allarmismo e allarmismo, solo allarmismo, tutto quello che avrebbero potuto fare e non hanno fatto in appoggio ad un governo tecnico lo scaricano sulle spalle degli italiani angosciandoli giorno e notte. Ora,a distanza di più un anno, con una nuova immagine ritrovata di un paese che, comunque ha dovuto dare non poco per recuperare credibilità e fiducia, ancora molti,troppi, lavorano subdolamente per far sì che ognuno di loro possa dire: avevamo ragione noi, non ci eravamo sbagliati. Ma loro c’erano e non dormivano,sono stati corresponsabili di scelte che ora rinnegano e, soprattutto questo è il lato peggiore, responsabili di aver “annacquato con i loro veti di parte scelte e riforme” che hanno disatteso le speranze di molti e vanificato sforzi e sacrifici di tanti. Avrebbero dovuto fare solo due cose: la legge elettorale e la riduzione della spesa pubblica,il resto ci doveva pensare " l'attuale capro espiatorio e tuttora Presidente del Consiglio " Mario Monti. Il Pdl ha perso 6.5 milioni di voti,la Lega ha perso 1.5 milioni di voti,il Pd ha perso 3 milioni di voti, il M5s ha preso il 25% dei voti ed è il maggior partito alla Camera, Scelta Civica in fretta e furia ha preso 3 milioni di voti. Vorrà pur dire qualcosa...o facciamo finta di niente? Il Professore, credo, abbia rotto le uova nel paniere a un po' di gente. E le reazioni in campagna elettorale e dopo il voto si sono viste, però lui è ancora li, al suo posto a portare ancora quella croce che "i quattro ladroni" di turno si erano affrettati a scaricare e che ora vorrebbe per se ma solo per ,ognuno da par suo,poter crocifiggere l'altro. E'proprio vero, non è cambiato e non cambierà mai niente.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi