cerca

Per non perdere il vantaggio della cattolicità

28 Marzo 2013 alle 13:45

Non è chiaro se il Papa - volendo depotenziare la curia romana a favore della partecipazione delle chiese locali ai processi decisionali - intende intaccare anche quello che distingue il cattolicesimo dalle altre confessioni cristiane (e che ne ha decretato il successo storico): il fatto che alla fine c'è una sola volontà - quella papale - che dice "sì" o "no", "questo" o "quello". Una volontà che - quando il compromesso non è possibile ma serve decidere - taglia il nodo gordiano delle opinioni ed indica con certezza il senso del messaggio divino. Solo questo ha evitato che il cattolicesimo si confondesse con il resto di una modernità che è babele di opinioni incapaci di indicare alcun criterio etico. Strumentale a questa immunizzazione alle grammatiche di verità moderne è però anche l'esclusiva papale di creare i cardinali, ossia chi deve assicurare la successione apostolica. Infine: la liturgia "antiquata" del cattolicesimo non è affatto un orpello, ma una precisa scelta di ciò che la chiesa intende apparire al mondo e ai fedeli: la sicurezza di una tradizione che, seppure calata in un mondo mutevole, resta invece fedele a sè stessa. Che dunque il Papa riformi curia e dicasteri in senso "decentrato" vuole dire tutto e niente. Occore guardare se (e come) intende toccare le norme sul magistrero del pontefice, sulla nomina dei cardinali e sulla liturgia. "Modernizzare" anche su questi tre punti potrebbe infatti segnare l'inizio di un percorso verso un cattolicesimo di chiese nazionali divise tra loro (come già accade per ortodossi e protestanti) e costrette - avendo perso la "forza" che deriva dal "potere romano" - a trattare con gli stati moderni, ossia con i nemici conclamati del messaggio cristiano che vanno coalizzandosi intorno alla globalizzazione del materialismo assoluto. Di fronte ad un'ONU che rivendica ormai apertamente il diritto alla soppressione sistematica degli indifesi, occorre la voce del Papa di tutti i cattolici, il vescovo di Roma non basta.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi