cerca

La saga dei due marò

22 Marzo 2013 alle 20:30

Interessi commerciali o no, l'Italia ha speso l'ennesima orribile figura a livello internazionale sul caso due marò. Il Sole 24 ore la definisce una "brutta figura diplomatica" quando invece la definerei una brutta figura del governo o di quello che ne rimane. A livello diplomatico, grazie all'importante iniziativa dell'ambasciatore italiano - immolato per un giusta causa al punto di aver perso temporaneamente l'immunità - è stato fatto il possibile. Nulla è stato mosso invece da parte del governo Monti che, almeno apparentemente, se n' è lavato le mani non soltanto dando una brutta immagine del nostro Paese agli occhi esteri ma trattando male due casi umani prima che diplomatici in quanto qui sono in gioco due vite. Il governo italiano e l'India hanno assicurato che i due marò saranno trattenuti e non verranno neppure toccati. Ma c'è da fidarsi di un Paese in cui esiste la pena di morte e che potrebbe vendicarsi del fatto che, senza accordi bilaterali, i due marò sono stati trattenuti in Italia oltre il termine pattuito? Dispiace dirlo, ma tenuto conto di tali considerazioni non riesco più ad intravvedere uno spiraglio per avere un briciolo di senso nazionalistico. Peccato, l'Italia non perde occasione per perdere la propria reputazione e per regredire sotto tutti i punti di vista.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi