cerca

Repetita iuvant

20 Marzo 2013 alle 11:00

Se Berlusconi, una volta al governo, avesse messo una tassa di un centesimo per ogni volta che il suo nome fosse stato pronunciato nei tribunali, col ricavato avrebbe sanato il debito pubblico.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi