cerca

Il futuro della chiesa di Roma

20 Marzo 2013 alle 13:15

Molti commenti sono fioriti in questi giorni sul “vescovo di Roma”. Vi si è letto un orientamento ad andare verso “comunità di chiese”, “fratellanza fra chiese”, di rapporti fra esse in senso orizzontale e non più verticale, senza con ciò rinnegare (ossimoricamente) il primato petrino o ridurre la figura del papa a quella di primo tra pari. La o le questioni, nei termini detti, mi paiono un po' confuse. 1) Non si capisce bene come questa prospettiva non scalfisca comunque il primato papale, così come storicamente (e, anche, teologicamente?) esso si è andato determinando. Se poi questo ridimensionamento debba essere un bene per il cristianesimo, è un’altra faccenda. Ma è meglio esser chiari. 2) La fratellanza (orizzontale) tra chiese (chiese, non confessioni), non è una novità. Sancirebbe una situazione che risale ai tempi primitivi. Investe la autocefalia, quella libertà di talune chiese di scelta autonoma del proprio primate e dei propri vescovi. E il verticalismo tra Roma e queste chiese non c’è mai stato. Quanto agli ortodossi, da sempre essi pretendono che il papa torni ad essere considerato patriarca di Roma (forse più par che primus con gli altri patriarcati). Comunque, se è di fratellanza che si tratta, questa fra le chiese cristiane non è (quasi) mai venuta meno. La comunione, se è questo che si intende, è tutt’altra (teologica) cosa. 3) A meno che dietro la questione (confusa) del verticalismo e dell’orizzontalismo non si celi (anche) la revisione del rapporto tra il papa e i suoi vescovi. Corrente attiva già nel Vaticano II. Anche in questo caso: se ciò debba essere un bene per in cristianesimo è un conto. Ma che la collegialità non indebolisca di fatto la figura e il ruolo petrino è un altro. In ogni caso in ballo non c’è il papa o le chiese, se non in subordine. Ma il bene del cristianesimo, nel rispetto delle verità evangeliche. Che sarà reso possibile se verrà messo a frutto il gigantesco, profetico e sacrificale passo indietro di Benedetto XVI.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi