cerca

Ma cos'è quest'aria di primavera?

19 Marzo 2013 alle 12:30

A giudicare dall'aria di primavera che si respira sulle pagine politiche dei giornali, uno potrebbe avere l'impressione che sia accaduto qualcosa di profondo, nel paese e nel palazzo. Minimo un presidente del consiglio. Invece sono stati eletti i presidenti dei due rami del parlamento. Due tra le cariche di per sé meno entusiasmanti in assoluto. Senza dire, poi, dei discorsi di insediamento, e della retorica sulla "costituzione più bella del mondo", i "precari", gli "esodati" e la "commissione d'inchiesta sulle stragi irrisolte". Roba che più naftalina non si può. Forse l'effetto della fumata bianca oltretevere aiuta (e quella sì che è sempre una grande notizia), ma siamo messi davvero così male da doverci entusiasmare tanto per due presidenti? Io dico di no.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi