cerca

Ambasciatore italiano immolato per i due marò

18 Marzo 2013 alle 17:15

Premetto che non mi intendo di giurisprudenza in ambito di ambasciate, ma prendendo in considerazione il caso dei due marò italiani, dall'esterno, appare una brutta e ridicola faccenda per ora irrisolta, anzi, ancora in alto mare. Nonostante gli sforzi di tante campagne nazionali a favore dei due marò, l'ex-governo Monti non ha mai speso una parola né preso una decisione in merito lasciando allo sbando e alla mercé indiana delle più brutali due militari italiani e non due assassini. Al momento, essendo l'Italia senza un governo ufficiale che si rispetti, una decisione è stata presa dall'ambasciatore italiano Daniele Mancini, che approfittando della pausa elettorale e del temporaneo ritorno dei marò per partecipare alle elezioni politiche, ha deciso che il loro rientro fosse definitivo. Morale: la Corte Suprema indiana gli toglie l'immunità diplomatica . Scambio di ostaggi per interscambio commerciale? In ogni caso l'India ha ancora in pugno la situazione e questo fa paura.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi