cerca

Lacrime e disperazione. Perché?

7 Marzo 2013 alle 19:00

La scomparsa del padre padrone del Venezuela Chavez, viste le immagini dei tg, pare abbia portato alla disperazione il Paese, od almeno una sua parte. Ma se la cosa può avere colpito coloro i quali la gestione del defunto Caudillo ha in qualche modo, tramite le "Misiones", migliorato, trovo farsesco il dolore dei cosiddetti divi liberal di Hollywood quali S. Penn e O. Stone. Ricordo le loro reiterate accuse nei confronti delle amministrazioni Bush e penso a cosa avrebbero detto se lo stesso avesse tentato di stravolgere la Costituzione o avesse tappato letteralmente la bocca a tutti gli oppositori, comprese radio e tv, come ha ripetutamente fatto Chavez; perché in fondo il defunto altro non era che un golpista matricolato, che ha vissuto una lunga carriera al potere grazie al petrolio ma non è stato in grado di rialzare l'economia, tanto meno ha abbassato il livello della violenza criminale che ancora affligge il Paese. Quindi va bene una prece, ma il mondo sarà migliore da domani.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi