cerca

La strana logica di Bersani

1 Marzo 2013 alle 16:00

Solo 130.000 voti separano la coalizione di centrodestra da quella di centrosinistra alla Camera e, quindi, è legittimo ipotizzare uno scenario rovesciato, nel quale fosse stato il Cavaliere a prendere più voti. A questo punto sarebbe stato Berlusconi a chiedere a Bersani di fare insieme una coalizione di governo. Allora mi chiedo: cosa avrebbe risposto Bersani? Se avesse aderito, allora non capisco perché oggi egli rifiuta sdegnosamente l’invito di Berlusconi a fare un governo di larghe intese. Se, viceversa, non avesse aderito all’invito del Cavaliere, allora perché oggi si meraviglia tanto che Grillo dica di no alla sua proposta?

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi