cerca

La sopravvivenza della seconda repubblica.Una possibile prepotenza

18 Febbraio 2013 alle 21:15

Gentile direttore,il segretario del PD con orgoglio, fa riferimento ai tre milioni e passa elettori che hanno partecipato alle primarie. Onore al merito, ma a chi scrive fa sorgere la seguente riflessione. Fra quei tre milioni non erano soltanto coloro che aderivano al Partito Democratico acriticamente ma anche molti che partecipando intendevano contestare dal di dentro all’immobilismo politico del partito e la nomenclatura. Vi erano anche alcuni di quelli che si ritrovano ora nella lista Ingroia, e pare lui stesso, nella lista Monti e collegati, e quel quaranta per cento che votando Renzi e candidati renziani intendevano richiedere un effettivo rinnovamento, rinnovamento venuto meno con il mancato inserimento in lista, fra gli eleggibili, del 40 per cento dei candidati e, d’ufficio, di professionisti del potere, veri e propri cimeli non della seconda ma addirittura della prima repubblica e già militanti di quella che fu la Demorazia Cristiana ed il Partito Comunista. Per la primarie hanno votato anche molti di quelli che pensavano di trovarsi ancora in un sistema bipolare nel quale la scelta era limitato allo schieramento di centro sinistra ed a quello di destra formato da quello che restava dell’armata brancaleone di Berlusconi. Con il proliferare delle liste mi pare che le cose siano cambiate e di molto.Comunque, sia che abbia un voto in più la coalizione di destra, che quella di sinistra, con l’attribuzione del premio di maggioranza, vincerà la battaglia ma non la guerra se la somma degli astenuti, dei voti che riporterà il movimento cinque stelle (antipolitica), delle schede bianche e nulle sarà superiore al 50+ 1 % degli elettori iscritti. Il nuovo Presidente della Repubblica dovrebbe, nell’ipotesi di cui sopra, immediatamente sciogliere le nuove Camere che finirebbero con il rappresentare la bocciatura della seconda repubblica che con un atto di prepotenza, per sopravvivere, ha tenuto in vita il Porcellum.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi