cerca

I Marò ripartono, gli elicotteri affondano

15 Febbraio 2013 alle 14:30

La magistratura italiana fa ripartire, non muove dito, non reclama le convenzioni internazionali che ammettono l'asilo politico in opposizione ai Paesi come l'India in cui vige la pena di morte, per i Marò ma ostentano un ardimento senza pari arrestando il presidente della Fimeccanica per essere interrogato (non lo potevano interrogare senza il clamore dell'arresto?) con lo sputtanamento di un'Italia capace di corrompere il pianeta, e perciò rischiando la commessa di elicotteri di qualità dell'Agusta per importi che volano tra i 600 e i 700 milioni di dollari per l'industria italiana. Chissà che colpo per la concorrenza straniera!

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi