cerca

La fine di un mondo

11 Febbraio 2013 alle 19:15

Sono accadimenti come questi (dimissioni di un Pontefice)che fanno avvertire forte la fine di un mondo, nè antico nè balordo, solo superato. Ad una crisi economico-finanziaria, segno inequivocabile di fallimento di un concetto (errato) di sviluppo; ad una crisi politica globale segno del superamento dei due blocchi contrapposti ed il sorgere del multilateralismo; adesso si aggiunge una crisi etico-religiosa globale (comprendente i tre monoteismi) che evidenzia come il dialogo interreligioso, se brandito in funzione meramente pacifista ed accomodante, sortisce effetti contrari. Il Pontefice si può anche essere dimesso per motivi di salute cagionevole, tuttavia non credo siano estranei anche fattori, discrezionali come la spaccatura all'interno del Sacro Collegio e tra questo e la Curia vaticana sia in materia di indirizzo e scelte politico- economiche, sia in materia etico-morale (pedofilia, aborto e bio-tecnica). Quando un Papa si arrende il Male non gioisce ma si impegna ancor di più!

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi