cerca

Il Monti "empatico"

7 Febbraio 2013 alle 19:00

Il Monti politico, non solo tecnico, si presenta con un volto nuovo. Più aperto, più sorridente, più pronto alle battute. Potremmo dire più umano? Mi sembrerebbe esagerato. Certo è che è diverso. Così non ce lo saremmo aspettato, e una certa dose di perplessità è lecita e ci induce a qualche domanda. Si tratta di opportunismo elettorale? Entrando nel gioco politico ne ha capito i meccanismi anche di facciata? Qualcuno gli ha suggerito che nell'agone politico sono importanti, per avere successo, atteggiamenti di aperta simpatia per il popolo? È probabile che queste domande possano avere risposte affermative. Allora c'è da chiedersi: migliore il Monti di adesso o quello di prima? Io mi limito a qualche modesta considerazione. Ognuno è quello che è, con precise connotazioni caratteriali, e a quelle dovrebbe stare fedele, senza forzature verso caratteri estranei alla sua personalità. Che del resto appaiono subito identificabili come tali e mostrano un certo inconsapevole disagio di chi vuole sembrare altro da quello che effettivamente è. Una persona davvero intelligente dovrebbe saperlo. D'altro canto, la serietà, intesa sia come lodevole onestà nei comportamenti sia come aspetto congenito del carattere, fa presa immediata su quanti sanno apprezzare doti che senza ombra di dubbio sono stimabili a tutti gli effetti perché suggeriscono, se non altro, la credibilità di una certa persona. Ancor di più di quanto non faccia una volontà, magari spinta all'eccesso, di far ridere un uditorio, piccolo o grande, pronto ad applaudire per compiacimento più che per intima convinzione. Abbiamo avuto in passato straordinari uomini politici la cui serietà era, ed è, riconosciuta e ricordata da tutti, e che soprattutto hanno operato per il bene del Paese, senza sentire il bisogno di ricorrere a facili battute o di conquistare il favore popolare dimostrando una forzata empatia. Il senatore Monti, che tanto piace per la sua serietà anche agli altri paesi europei, dovrebbe, a mio parere, tenerlo presente.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi