cerca

Il cappellaio matto

6 Febbraio 2013 alle 20:50

Non v’è dubbio il ritmo della campagna elettorale lo impone Berlusconi. La restituzione dell’Imu e tutto il resto bucano lo schermo e sembra dare pure qualche risultato. Si parla molto delle sue proposte e meno delle altre. Però io ho un dubbio. Che tutto questo balenare di luci, ricchi premi e questo vociare non si traduca in un rumore di fondo che non scalfisce un risultato quasi scontato. C’è una qualità del suono che viene percepita come musica mentre altri suoni sono più affini al rumore. Del rumore se ne parla molto anche perché dall’altra parte c’è poca musica. E’ come ascoltare S. Remo senza i “big”. Un’edizione da dimenticare.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi