cerca

Le promesse della campagna elettorale

29 Gennaio 2013 alle 18:45

Manca meno di un mese alle elezioni e i vari leader si affannano a proporre le soluzioni per uscire dal tunnel della crisi economica. Quello che non si comprende riguarda l'annuncio di eliminazione di tasse che, sino a qualche mese prima, veniva considerata una cosa impossibile. E' vero: si tratta di promesse elettorali ma è innegabile che per sollevare l'Italia bisogna fare tanto su tutti i fronti, compreso quello delle riforme, anche se il riferimento a quest'ultime è sempre più generico, con l'aggiunta dell'aggettivo "strutturale". La carta stampata, tv e web ci erudiscono in questi giorni su dati statistici vari, dando risalto a dati noti da tempo e che tra l'altro fanno riferimento a parecchi anni precedenti, dove, guarda caso, non c'era la recessione. Tutto questo per fare grande confusione. Fatto è che, se si vuole superare la crisi, bisogna poi agire di conseguenza. Non ripetere che la pressione fiscale è alta e poi operare per aumentarla lasciando le retribuzioni al palo e la maggior parte delle pensioni bloccate o quasi, considerato che anche l'adeguamento Istat sino al soglia della ricchezza, fissata in poco più di 1440 euro lorde, non è per niente legato all'inflazione reale. Una cosa è certa: l'abolizione dell'Imu sulla prima casa non risolve il problema degli italiani. Ci vuole ben altro in un panorama dove i vari enti che ci governano, regioni e comuni, non cito le province perché debbono essere abolite tutte, "piangono" per i tagli del governo e ci tassano con le addizionali Irpef.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi