cerca

La storia si ripete

29 Gennaio 2013 alle 18:00

Fateci caso perché è una costante delle campagne elettorali. Prima delle elezioni tutti liberali, taglio delle tasse, basta coi privilegi di pochi a danno di tutti, riforme e via di seguito. Una volta al governo tutti di sinistra. Tasse, riforme utili prossime allo zero e status quo imperante. Evidentemente esiste una metamorfosi del candidato. Bisognerebbe fare un’indagine sulla qualità dell’aria nei pressi di Monte Citorio e Palazzo Madama. Oltre alla cocaina, già rilevata nella capitale e in tante altre città, secondo me c’è abbondante traccia di fiori di loto. La vera incandidabilità dovrebbe riguardare il consumatore di loto. Oh mio candidato, puoi consumare cocaina: attento ti fai male. Puoi consumare ostriche: attento non fare indigestione. Però non consumare loto, ci fa male. Oscar Giannino, che voterò e che fino ad ora non ha mangiato loto, s’incatena da Vespa. Ricorda a tutti la schiavitù, perché di questo di tratta, della super tassazione che ognuno di noi subisce. Come sempre garbato, ma combattivo, di fede liberale come Ostellino, questo stato non lo manda proprio giù.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi