cerca

La favola di Mario Monti

15 Gennaio 2013 alle 18:00

In mezzo a tutti i giovani dei giornaloni e della tv, ci è voluto il vecchio Bruno Vespa per fare a Monti l'unica domanda sensata: "Perché non si è candidato con il centro-destra?" Risposta: "Sapevo che, candidandomi con il centro-destra, probabilmente sarei diventato presidente del consiglio e avrei fatto felice il Ppe. Ma ho avvertito l'imperativo morale di mettere insieme i riformisti. I quali sono sia nel Pd che nel Pdl. Ma in entrambi ci sono anche quelli che non vogliono fare le riforme." Capito? Per fare le riforme non serve diventare presidente del consiglio. Non servono nemmeno i voti. Basta prendere il 15%, tanto, poi, ci sono i riformisti. E l'imperativo morale. L'imperativo morale e i riformisti. Poi le favole le racconta quell'altro, il pifferaio. Vero, Mario?

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi