cerca

Il legno storto e il "matrimonio per tutti"

15 Gennaio 2013 alle 18:05

Come al solito i giacobini in spirito vogliono raddrizzare il legno storto dell'umanità. Intenzione lodevole ma luciferina, una tracotanza che gli dei antichi avrebbero punito con ferocia esemplare. Che importa se fino a qualche anno fa nessuno dubitava che il matrimonio fosse un contratto tra un uomo e una donna? Evidentemente, pensa il novello giacobino, l'umanità finora s'è sbagliata, soltanto noi, finalmente, vediamo. Noi, venuti per ultimi, per principio capiamo meglio di tutti i nostri predecessori. Altrimenti perché l'antropologia culturale non trova istituzioni matrimoniali omosessuali in nessun luogo e in nessun tempo? Prima di "raddrizzare" con innesti basati su diritti equivoci nientemeno che il fondamento dei rapporti di parentela, con tutte le inezie (ritengono i giacobini) che ne conseguono, esplicitamente e implicitamente, psicologiche e sociali, comprese quelle che neppure immaginiamo perché nessuno si è sognato mai di manomettere il matrimonio come relazione uomo-donna in quanto l'unica istituzionalmente riconosciuta dalla società, non c'è da andare cauti? Qui non vale lo sbandierato principio di precauzione? No, secondo loro basta una legge.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi