cerca

In nome del popolo italiano

14 Gennaio 2013 alle 17:30

Vuoi morire? In base a sentenza della Corte di Appello. Vuoi Adottare? Aspetta la sentenza del tribunale dei minori. Vuoi produrre o inquinare? Se te lo permette il TAR. Vuoi vivere tranquillo? Rivolgiti al Giudice di Pace. Ti vuoi sposare con una persona dello stesso sesso? Si, lo stabilisce la Corte Costituzionale. Ti vuoi candidare al Senato o fare l'amministratore del condominio? Chiedi il certificato penale alla cancelleria. Vuoi affittare il tuo utero da un ovolo di tua figlia fecondato da uno sconosciuto? Lo decidono i tribunali della libertà. Volete adottare un bimbo ma siete due maschi? Lo puoi fare, in base ad una sentenza della Cassazione. In nome del popolo italiano, vabbè: accetto Englaro, accetto Welby, accetto l'ILVA, accetto i matrimoni gay, accetto le adozioni tra genitori dello stesso sesso, accetto la fecondazione assistita e le cellule staminali da embrioni, insomma, sono o non sono un liberale? Io accetto tutto. Ma che se Berlusconi debba essere candidato premier o solo capo della coalizione, me lo debba dire la Bocassini, questo no, non lo accetto.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi