cerca

Credibilità in Europa

10 Gennaio 2013 alle 12:15

Sono stanco di sentirla menare ogni due per tre che l’Italia in Europa aveva perso ogni credibilità per colpa di Berlusconi, per le sue considerazioni sul deretano della Merkel, per le cene più o meno eleganti di Arcore, per l’aver dato del kapò all’esimio Schultz. Se gli apprezzamenti sulla Merkel davvero li ha fatti, cretini quelli che lo hanno riportato, omettendo comunque che lo pensiamo tutti, anche quelli che se ne adontano; se la vita privata di Berlusconi è quanto meno pittoresca, diciamo che comunque anche il letto di Sarkozy non è che fosse di tanto più tranquillo, quasi un ingorgo; se infine il kapò rifilato a un socialista non è stato certo opportuno, una gaffe che si può anche perdonare non fosse altro perché non abbiamo avuto tanta dimestichezza con il tema. Pasticci molti, ma una esperienza sovrapponibile a quella mai. Sicuramente abbiamo qualcosa di che vergognarci di fronte all’Europa, dalla situazione delle carceri alla giustizia lenta, ma è che vogliamo giustizia su tutto, e le risorse sono poche, impegnate a capire se Ruby “è stata indotta” o si è indotta da sé, se Sallusti deve stare in galera o meno, e noi, questi tormenti, non possiamo saltarli a piè pari. Si, siamo poco credibili.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi