cerca

Fine tunnel (per chi sopravvivrà)

3 Gennaio 2013 alle 14:00

Rieccoci con la metafora del tunnel! Monti è ottimista per la soluzione della crisi finanziaria. «La luce alla fine del tunnel la vedo più vicina di prima. E sono molto più ottimista che nel frattempo il tunnel non crollerà come abbiamo rischiato. Molto dipende dall'economia mondiale», ammette Monti. «Dalla crisi finanziaria credo che ne siamo usciti, della ripresa si parla di fine 2013 inizio 2014». Non è questo l'anno, è il prossimo (così ci dicono dal 2009). Il tunnel non crollerà, ma il treno sta arrivando e con esso la morte di migliaia e migliaia di piccole aziende. Poco male, non sono adatte al mondo globalizzato, meglio se comprate o messe fuori mercato dallo straniero: è la distruzione creatrice (Monti sa da che parte sta segando il ramo su cui è seduto?)! Quante aziende però sono state messe fuori mercato dallo Stato italiano e dalle sue tasse, da leggi e normative asfissianti ideate per porle sotto lo scacco continuo della burocrazia (naturalmente ai nobili fini della giustizia contributiva, dell'equità e della sicurezza)?

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi