cerca

Grazie Prof.

26 Dicembre 2012 alle 20:00

Temevo seriamenete che i due mesi di campagna elettorale sarebbero stati di grande tormento per me. Se Monti avesse realmente scelto la strada di presentare un’agenda che fosse la base di alleanza con chiunque ne condividesse i contenuti, un rifiuto a priori di questo possibilità da parte di Berlusconi mi avrebbe creato seri dubbi su cosa fare in cabina elettorale: la possibilità di non votare l’Amor nostro, per la prima volta da quando è sceso in campo, in quel caso non mi sarei più sentita di escluderla Ma ci ha pensato il Prof. a risolvermi il problema. ..Perché se è vero che ha lanciato il messaggio di un’agenda proposta “erga omnes” , ha anche provveduto a inserire elementi che rendono di fatto impossibile la condivisione di un’alleanza col centro destra. Non penso solo e tanto agli attacchi diretti al Cav. ma a quello che Monti ha sottolineato nel suo discorso iniziale, citando due temi specifici, e solo quelli, su cui eventuali interventi di modifica vanificherebbero il lavoro da lui fatto: giustizia e IMU . Ho trovato “singolare” la scelta proprio di essi, cioè di punti, si sa, che saranno centrali nel programma della PDL. Sulla giustizia il Prof. non ha ritenuto opportuno ricordare che la proposta di legge anticorruzione ha come primo firmatario Alfano. E neppure di rispondere alle critiche fatte dalla destra sul fatto che gli accordi prevedevano anche prevedimenti su intercettazioni e responsabilità civile di magistrati. Ma mi ha colpito ancora di più il suo riferimento all’IMU, come parte intoccabile. La riforma delle pensioni se abolita comporterebbe un onere circa 3 volte superiore, ma Monti ha voluto menzionare proprio l’IMU, chissà perché. Non mi è piaciuto insomma il suo discorso, ma mi ha semplificato la scelta. Nel mio piccolissimo, come elettore, penso proprio che sarò a fianco del Cav. anche in questa sua ultima “follia”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi