cerca

La candidatura di Monti

19 Dicembre 2012 alle 14:15

Con la proposta di candidatura a Monti Berlusconi ha sparigliato, ha fatto la mossa scacchista del cavallo. C’è anche questo dietro il risentimento stizzito di D’Alema, che nasconde la sua indignazione dietro l’ergersi a paternalistico nume della collettività: “Quale impressione potrebbe fare ai cittadini italiani il fatto che il capo del governo si candidi contro la principale forza che lo sostiene…ambiguità che rischiano di alimentare confusione e qualunquismo”. I cittadini veramente quello che non capiscono è altro. E’ l’appellarsi al cavillismo legal-costituzionale (Della Loggia dà man forte) sulla incandidabilità di un senatore a vita. L’apparato ordinamentale dovrebbe essere per i cittadini, non contro di essi. Se un determinato quadro storico-politico esige, per il bene comune e del paese, una data persona che possiede le idee e le capacità più consone alla risoluzione dei problemi sul tappeto, non si capisce fino in fondo perché quella persona non possa democraticamente candidarsi. D’Alema e Della Loggia, in questo caso, appaiono dignitari della corte di Bisanzio, intenti a spaccare in quattro il capello dei codici per decidere se in un dato frangente (mentre Sagunto viene espugnata) quella data carica possa essere appannaggio del protospatario o dello spatarocandidato, piuttosto che del logoteta. Quello che Berlusconi rappresentava era l’originalità di visioni e metodi di un uomo non di apparato (tratti a dire il vero comuni anche a Monti) che mirava al problema, anteponendolo all’architettura che poteva bloccarne la risoluzione. Il come finì appartiene ormai alla storia.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi