cerca

Riparte la giostra

10 Dicembre 2012 alle 20:00

Bene, questa legislatura è al capolinea e purtroppo ripartirà la giostra. Quella delle elezioni, quella di un nuovo governo, con tutte le litanie trite e ritrite. Da entrambi gli schieramenti, quale che vincerà, è già annunciato un governo politico, quindi via Monti o comunque governi tecnici, con il risultato di vedere ancora le parti contro, sempre. Ora due sono i dati di fatto da cui si dovrebbe partire: il primo è l'irreversibilità dell'Unione europea e dell'appartenenza del nostro paese a questa unione; il secondo(di conseguenza) è che il nostro paese deve diventare un Paese serio! Ora qualcuno ha una pallida idea di cosa significhi per l'Italia "diventare un Paese serio"? Pensa Bersani di riuscirci da solo? Pensa Berlusconi di riuscirci da solo? Non è così che potremo abbreviare i tempi e quindi ridurre le nostre sofferenze! C'è bisogno di un governo con ampio appoggio e che cominci a incidere e a fare sul serio le riforme (cosa che non è riuscito a fare Monti fino ad ora) a partire dalla Giustizia (problema dei problemi), mettendo da parte tutti gli egoismi di parte e gli interessi di bottega, solo così potremo farcela in tempi più ragionevoli, altrimenti continuerà la sofferenza e chissà per quanto tempo ancora.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi