cerca

Psss... ehi Angiolino, senti un po' una cosa....

4 Dicembre 2012 alle 09:00

Fatte le primarie Pd, ora l'attenzione si trasferisce sul Pdl. Questo lo sai anche tu. Nel mio piccolo ti do un consiglio. Ma ascoltami, per carità di Dio. Affrancati definitivamente da Belusconi, che se farà una lista tutta sua, ciccia. L'ex premier si prenderà un "percento qualsiasi" e deciderà con i suoi eletti stretti stretti cosa fare. Poi Angiolino, non lasciarti sedurre dalle primarie. L'orrida sequela dei candidati possibili offrirebbe il fianco a quegli stessi che hanno osannato il Pd. Ma certo anche il popolo di centrodestra non stapperebbe bollicine. Allora, disinteressati delle eventuali scissioni o contraccolpi, fai una lista con dentro "nessuno dei vecchi tromboni" (Verdini, La Russa, Cicchitto, Gasparri e via dicendo) e chiama attorno a te un manipolo di "intelligenti e presentabili", candidali e aspetta che la onorevole presumibile sconfitta segni le basi e getti il seme per una autorevole ripresa del partito, nel futuro. Perchè il presente è quello che è: un fallimento. Il manipolo non è difficile da costruire: Crosetto, Lorenzin, Giannino, Castelli (di A. Piceno), Cattaneo, Ginetti (di Corciano) e altri della stessa stoffa, e voglio aggiungere anche la Meloni (che tuttavia non mi entusiasma). Insomma Angiolino, abbi il coraggio di presentare un gruppo che non faccia venire in mente le cariatidi. Che se la gente sente ancora parlare di vecchie glorie, non c'è nè ci sarà più scampo. Nè ora nè mai.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi