cerca

Perché sono ottimista

20 Novembre 2012 alle 20:15

Spesso quando si è immersi in cambiamenti profondi della storia non si ha la percezione reale di questo cambiamento. E’ solo col tempo che ci renderemo conto di essere stati testimoni e protagonisti di una mutazione della politica che, nel momento in cui la vivevamo, non riuscivamo a percepire. Il Pd si è praticamente rifondato, qualsiasi sia il risultato delle primarie. Nel centrodestra l’uscita dalla scena di Berlusconi è un fatto irreversibile con tutto quello che seguirà in termini di rinnovamento. Il centro non è in buona salute e, se resiste ancora nella sua struttura, è perché, essendo fatto di materiale flessibile, assorbe meglio gli scossoni. I delusi dei vari schieramenti hanno momentaneamente cercato asilo nell’astensionismo o nel movimento di Grillo, in attesa che si chiarisca il nuovo scenario politico. La crisi economica e tutto il corollario di problemi da essa indotto hanno spazzato via il vecchio modo di far politica e ci hanno riavviati verso un futuro che sembrava irrimediabilmente compromesso.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi