cerca

Lega come Macchiavel​li: l'importan​te è il risultato e non il mezzo usato per ottenerlo

16 Novembre 2012 alle 11:00

La legge sulla diffamazione sarà in aula in Senato la prossima settimana. Questo volenti o nolenti grazie alla Lega che ha deciso di rompere gli indugi e risvegliare un silenzio omertoso. Lo ha fatto decidendo di proporre un emendamento "provocazione" consigliando di dare ai giornalisti rei di reato di diffamazione una condanna di un anno al massimo contro l'attuale legge che prevede fino a sei anni di carcere in casi gravissimi. Se la ragioniamo alla Macchiavelli ne deduciamo che l'importante è il risultato a prescindere dal mezzo usato per raggiungerlo. Se ragioniamo con sentimento e umanamente la considerazione ovvia che ne proviene è di pensare che la Lega, coraggio per coraggio, avrebbe dovuto tentare il tutto per tutto, vale a dire, optare da subito per fare eliminare completamente la legge sulla diffamazione che in altri Stati europei e negli USA non esiste assolutamente. Invece, o con un emendamento provocazione, o a causa di un "errore fatto in buona fede" come lo definisce Maroni, o ragionando con onestà di fondo in nome della libertà di stampa, di parola e di pensiero, la Lega corre il rischio di fare una brutta figura o incorrere in una caduta di stile che in un momento delicato di rinnovamento totale e di crescita non sarebbe opportuno. E' anche vero che come sostiene la Lega stessa, l'emendamento proposto dal Carroccio è stato votato positivamente da 131 membri del Senato. Tuttavia, ritengo opportuno che la Lega faccia chiarezza al 100% e che spieghi a chiunque, su tutta la stampa e attraverso i media che se la prossima settimana il Senato finalmente forse arriverà ad una decisione definitiva sull'iniqua legge di diffamazione sarà grazie solo e soltanto alla Lega Nord a cui piace trattare i problemi di petto, con chiarezza e sollecitudine. Non sottovalutiamo comunque il futuro di un Sallusti scelto come capro espiatorio. Proprio in nome della libertà umana la Lega si batterà con tutta se stessa e noi con essa.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi