cerca

La crisi, Keynes, il Pd e il Pdl

15 Novembre 2012 alle 14:00

La ricetta secondo quanto si sente dire nel Pd è più o meno quella di Keynes e cioè quella secondo la quale lo stato mette soldi sul mercato, l'economia si mette in moto e la crisi è risolta. Secondo quanto si sente a nel Pdl la ricetta è simile. Cambia solo (ma nemmeno tanto) il modo di reperire i soldi. Secondo la variante Fassina poi i soldi devono essere dati direttamente ai lavoratori così che possano spenderli e aumentare la domanda interna (peccato che buona parte di quei denari finirebbero in Cina), ma non c'è da stupirsi conoscendo il soggetto. Forse ci si potrebbe stupire un po' di più sentendo le stesse cose da Alfano, ma ormai non ci si può stupire di nulla. Nemmeno del fatto che l'unico a dire chiaro ne tondo che per uscire da questa crisi bisogna ridurre le tasse sul lavoro non per aumentare gli stipendi ma per abbassare il costo del prodotto è Renzi. E la destra che fa? Vuoi vedere che mi tocca votare alla primarie del Pd?

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi