cerca

Il voto in Sicilia

31 Ottobre 2012 alle 11:15

In Sicilia non c'è stata alcuna rivoluzione perché i reucci di sempre hanno fatto eleggere i loro rappresentanti e il voto disgiunto, voluto da tutti, ha permesso incroci che non hanno spezzato i vecchi equilibri. La matematica non è un opinione, credo che un confronto comporato tra voti dei consiglieri e quelle dei presidenti possa confermare le mie parole. Le faide interne ai partiti hanno permesso il perpetrarsi delle solite clientele che sono rimaste lì a custodire le ormai poche e lottizzate risorse dell'isola. Hanno perso i siciliani liberi, non ricattabili ma impotenti (più del 50% della popolazione) che hanno scelto il non voto (ahimé!) o liste che hanno raggiunto solo l'1%. L'ondata Grillo ha mascherato la spinta di poteri nascosti che qui e là hanno dato un aiutino, perché tutto rimanesse come prima. Nessun laboratorio e nessuna rivoluzione. Non ha vinto un programma e tanto meno un'alleanza, ha vinto chi ha giocato con più mazzi di carte per continuare a navigare, a vista, in un mare di guai e di insolvenze. Crocetta ha dichiarato che non stringerà alleanze e che non accetterà inciuci, se farà veramente così si possono già preparare le liste per le prossime elezioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi