cerca

Bocciatura "made in": la UE è da bocciare

27 Ottobre 2012 alle 09:00

E' da tanto tempo che si discute di una legge comunitaria sull'etichettatura di tutti i prodotti per una serie di motivi. Per tutelare il singolo prodotto tipico di un Paese, per tutelarne la freschezza e per controllare e combattere il fenomeno della contraffazione prettamente pertinente all'Italia. Purtroppo pare che l'Italia abbia poco peso in una UE dove al contrario non vi è nessuna esigenza di tutelare la qualità delle produzioni perché estranea al problema della contraffazione. Forse nel resto d'Europa non esiste la sensibilità per la tutela dei propri prodotti perché non raggiungono quel grado di qualità come in Italia. Tuttavia, buttare al vento sette anni di lavoro, di aspettative e di tentativi di porre delle regole corrette, giuste per tutti e non solo per il singolo Paese, non mi sembra giusto. Altro discorso comunque correlato all'argomento è quello dell'etichettatura dei prodotti per celiaci. Si stanno aspettando ancora le risposte ma temo che verranno inglobate e quindi eliminate dalla bocciatura del regolamento europeo sul "made in". Peccato, l'Unione Europa continua a fare buchi nell'acqua.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi